Cosa bisogna fare per proteggere l’interno dei serbatoi della propria moto?

Col passare del tempo, i serbatoi delle moto sono soggetti, al loro interno, ad inevitabile corrosione e formazione di ruggine. Per ovviare a tale inconveniente, Tankerite ha progettato un ciclo permanente anticorrosione, che consente di bonificare internamente i serbatoi arrugginiti delle moto, ma anche delle auto d’epoca.

Tale trattamento è costituito dalla formazione di una capsula sigillante, che risulterà inattaccabile da carburante e alcool.

Tankerite garantisce un risultato efficace, nonché un utilizzo semplice ed economico. È composto da un kit di tre prodotti, di varie dimensioni, in base alla grandezza del serbatoio. Esiste anche una tipologia per alte temperature.

Andiamo ora a comprendere come agisce questo tipo di prodotto.

Come avviene il processo anticorrosivo

Il processo anticorrosivo, all’interno della superficie del serbatoio, avviene mediante rivestimento con resina sigillante. Questo materiale presenta un aspetto ceramico solido, ma è, allo stesso tempo, elastico.

Per questo motivo, tale resina crea una capsula resistente a stress termici e vibrazioni. Questo materiale sigillante garantisce, per l’appunto, una resistenza a temperature che vanno dai -30 ai +120 gradi centigradi.

In questo modo, porosità, assottigliamenti di lamiera e ruggine vengono sanati definitivamente.
Come detto pocanzi, il prodotto è di facile utilizzo e si presta benissimo al “fai da te”.

Vediamo, perciò, come usarlo nel migliore dei modi.

Innanzitutto, è necessario procedere alla fase di preparazione, rimuovendo i rubinetti del carburante e tappando i fori con spinotti di sughero, legno o stoffa pressata. É inoltre opportuno salvaguardare il tappo della benzina dentro una guaina in lega leggera.

Di seguito, si può iniziare la pulizia e la sgrassatura, con l’introduzione, nel serbatoio, di vecchia bulloneria e solvente o trielina. Per rimuovere le incrostazioni più ostinate, è necessario scuotere, far macerare, spurgare e risciacquare, finché il liquido non sarà pulito e limpido.

A questo punto si procede al decapaggio dalla ruggine e successiva fosfatazione: si introduce dell’acido antiruggine e si scuote. Dopo otto ore circa, si svuota il serbatoio, lo si risciacqua bene ed infine lo si asciuga con aria compressa o alcool etilico.

Per prevenire ulteriori ossidazioni, si avvia l’ultima fase del trattamento: l’incapsulamento.

Il kit pre-dosato Tankerite è già pronto all’utilizzo, ma è anche possibile usare una quantità minore di prodotto in base alle varie esigenze, quali possono essere i serbatoi più piccoli.
Innanzitutto è necessario mescolare energicamente smalto e catalizzatore, con l’ausilio di una spatola piatta.

Poi si deposita il composto dentro il serbatoio, roteandolo lentamente e più volte su ogni lato, per assicurare una distribuzione omogenea. Durante tale operazione, si raccomanda di reclinare in avanti il serbatoio, al fine di non otturare, con la resina, i fori del carburante.

Ora si può avviare il processo di essicazione a temperatura ambiente. Il ciclo anticorrosione Tankerite esegue tale fase normalmente in 12-24 ore alla temperatura ideale di 15-25 gradi centigradi, ma il tempo può variare in base alla temperatura. Se l’essicazione è piuttosto celere, non si può dire la stessa cosa per il processo di reticolo: questo avviene, a fondo, dopo vari giorni.

É importante sapere che è necessario effettuare il ciclo anticorrosione solo dopo aver prima avviato il processo di nichelatura e cromatura.
Infine, si raccomanda di non introdurre il carburante prima di una settimana dalla fine del processo anti ossidazione.
Il trattamento anticorrosione di Tankerite evita costose sostituzioni e, nel contempo, garantisce la miglior soluzione per prevenire e bonificare i serbatoi di moto e auto d’epoca.
Questo particolare ciclo antiossidante è sicuramente la maniera ideale per proteggere il serbatoio della propria moto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *